Brevi cenni storici sulla nascita e gestione della RSA di Agordo

La gestione della Struttura Residenziale per anziani non autosufficienti di Agordo è stata delegata dai Comuni agordini (ex art. n.6 – 2° comma –LR n.55/82) alla Comunità Montana Agordina (oggi Unione Montana Agordina) che coincideva territorialmente e istituzionalmente con l’allora ULSS n.2 – Agordo (la giunta della Comunità Montana Agordina svolgeva le funzioni di Comitato di Gestione dell’ex ULSS n.2 Agordo).

Con la costituzione, ai sensi della L.R. n. 56/94 dell’ULSS n.1 di Belluno, la delega alla gestione della Struttura residenziale fu trasferita alla neo costituita Azienda Socio Sanitaria e riconfermata dai successivi accordi di programma inseriti nei Piani di Zona.

La struttura si è sviluppata nel tempo in relazione all’espansione del bisogno.

Nel 1982 è stato avviato il primo nucleo con la completa ristrutturazione della palazzina “Anziani Inabili”, ubicata di fronte all’Ospedale di Agordo, che è stata costruita all’inizio del secolo scorso come prima sede del locale Ospedale.

Nel 1984 la Comunità Montana Agordina ha costruito un edificio (Polifunzionale 1), nelle adiacenze della palazzina Anziani Inabili, mettendolo a disposizione della ULSS 1 per l’accoglimento di ulteriori anziani e per dare collocazione ad altri servizi socio-sanitari. Contestualmente i 16 Comuni Agordini hanno delegato all’ULSS la gestione del servizio residenziale per anziani non autosufficienti.

Successivamente, per tener conto dell’aumentata domanda di accoglimento residenziale, è stato costruito un altro edificio (Polifunzionale 2), adiacente e comunicante con l’edificio Polifunzionale 1, Nel biennio 1993 -1994 fu completata l’attuale capacità ricettiva pari a 122 posti.

Passaggio di deleghe dall’ULSS all’ASCA

La gestione da parte dell’Ulss continua fino al 2017 quando, in ottemperanza alle variate previsioni normative, l’Azienda Sanitaria ritiene di dover assumere esclusivamente il ruolo istituzionalmente previsto di garante della qualità dei servizi eroganti dalla rete residenziale.
I Comuni Agordini, quindi, si sono attivati per trovare una soluzione gestionale alternativa e in stretta aderenza alla normativa vigente i Comuni dell’Unione Montana Agordina hanno ritenuto di definire forme di cooperazione amministrativa funzionali alla solidale e efficiente gestione della Struttura residenziale per anziani non autosufficienti di Agordo ed al servizio di Assistenza Domiciliare.
Il 09 gennaio 2017 è stata istituita la Azienda Speciale Consortile Agordina A.S.C.A. con la nomina dell’amministratore unico dott.ssa Mariachiara Santin.

ASCA quindi si occupa dell’organizzazione e la gestione dei servizi di assistenza domiciliare, la conduzione della Struttura Residenziale per Anziani non autosufficienti di Agordo, nonché l’espletamento di altri compiti ed ulteriori servizi aventi rilevanza sociale.
L’adesione all’Azienda è stata approvata dai Consigli Comunali dei Comuni Consorziati.
L’Azienda è ente strumentale dei Comuni aderenti ed è dotata di personalità giuridica, di autonomia gestionale e patrimoniale e di un proprio Statuto, approvato dai Consigli Comunali degli Enti aderenti.
L’Azienda, ai sensi della normativa vigente, garantisce l’adempimento della programmazione e degli indirizzi deliberati dai Comuni aderenti, anche in relazione a quanto disposto dal Piano di Zona.

Mission

Di seguito si espongono i principi o valori sui quali si basa il servizio si assistenza alla Persona che eroghiamo:

  • Diritto degli ospiti alla salute ed al benessere.
  • L’eguaglianza dei diritti degli ospiti e l’imparzialità: i servizi vengono erogati secondo criteri di obiettività ed imparzialità a tutti nel rispetto di ogni individualità ed in rapporto al bisogno.
  • La continuità nell’erogazione dei servizi rispetto ai bisogni degli ospiti: l’organizzazione garantisce la continuità, nelle 24 ore, delle prestazioni assistenziali ed infermieristiche;
  • L’informazione agli utenti assicurata in modo chiaro e tempestivo, salvaguardando la riservatezza dei dati personali.
  • La partecipazione degli ospiti e dei loro familiari attraverso osservazioni e suggerimenti volti al miglioramento dei servizi offerti.
  • L’efficacia e l’efficienza per garantire il benessere degli ospiti attraverso l’utilizzo appropriato delle risorse e l’appropriatezza dei servizi.

 

ASCA si pone come obiettivo

“la promozione della più alta qualità di vita possibile dell’anziano”

 

Per qualità di vita si intende la possibilità di mantenere, al più alto livello raggiungibile, l’autonomia delle sue azioni e delle sue scelte in un contesto ove possa vivere serenamente nel rispetto della sua dignità ed essere considerato nei suoi bisogni fisici, psichici e sociali.

Nel tendere a questa finalità la RSA si è da sempre caratterizzata per la sua apertura alle famiglie degli ospiti, ai soggetti interessati ed al territorio, intessendo relazioni con le associazioni di volontariato e di altra natura, al fine di inserire la struttura nel tessuto sociale.

Coerentemente a tali obiettivi ASCA si impegna ad una gestione trasparente ed efficiente delle risorse e di collaborazione con gli utenti, i committenti e  tutti coloro che dimostrano interesse.

In particolare, a seconda della tipologia di servizio offerto, la nostra missione è:

  • Servizio ospiti non autosufficienti:
    • Mantenere e stimolare le capacità residue della persona e valorizzare le sue capacità relazionali
  • Servizio ospiti non autosufficienti che necessitano di maggior intensità assistenziale nel nucleo Residenza Sanitaria Assistenziale (RSA):
    • Promuovere il maggior benessere possibile e la dignità della persona
  • Accoglimenti temporanei:
    • Sostenere la permanenza degli anziani nel proprio domicilio potenziando le capacità compromesse e/o offrendo momenti di sollievo alle famiglie che nel curano l’assistenza.

Le caratteristiche del reparto

Il Servizio opera ad Agordo negli edifici:

  • Anziani Inabili – Via Fontana. n. 36 – ove dove sono ubicati i nuclei Ciclamino (piano terra) e Margherita (primo piano)
  • Polifunzionale 1 ove è ubicato il nucleo Stella Alpina (primo piano) e gli Uffici amministrativi (piano terra)
  • Polifunzionale 2 ove sono ubicati i nuclei Bucaneve (primo piano) e Genziana (secondo piano) nonché gli uffici dell’Assistente Sociale, della Psicologa e degli Educatori (piano terra).

Nei locali seminterrati sono presenti locali dedicati ai servizi generali di supporto.

È prevista l’articolazione nei 5 nuclei funzionali ed omogenei in base al profilo degli ospiti con una capacità ricettiva di 122 posti letto, accreditati dalla Regione del Veneto, di cui:

  • 24 posti letto per non autosufficienti di media intensità assistenziale (secondo livello).
  • 98 posti letto per non autosufficienti di ridotta minima intensità (primo livello).

Ogni nucleo ha stanze da letto con 2 posti (12 nel nucleo Stella Alpina, 5 nel nucleo Bucaneve e 4 nel nucleo Genziana), da 3 posti (8 nel nucleo Ciclamino e 8 nel nucleo Margherita) e da 4 (4 nel nucleo Bucaneve e  4  nel nucleo  Genziana).

Gli ospiti hanno a disposizione bagni o interni alle stanze (nuclei Stella Alpina, Bucaneve e Genziana) o all’esterno (nuclei Ciclamino e Margherita), conformemente agli standard regionali.

Ogni nucleo è dotato di sala da pranzo, soggiorno, spazio attività educative, cucinetta, bagno assistito, sala infermieri/sala medica.

Negli edifici Anziani Inabili e Polifunzionale 2 sono presenti aree di riabilitazione per le attività fisioterapiche, cappelle ed ognuno dispone di un giardino attrezzato.

  • Tipologia ospiti

Il Servizio accoglie complessivamente 122 persone non autosufficienti, anziane o adulte multiproblematiche, che per le loro condizioni psicofisiche non sono adeguatamente assistibili a domicilio, 24 di queste necessitano di interventi di maggior intensità assistenziale.