Per fronteggiare lo stato di allerta legato al COVID-19 e per adeguarsi alle indicazioni ministeriali, i professionisti dell’area amministrativa e sociale di ASCA sono pronti a mettere in atto progetti specifici di Smart Working differenziati a seconda dell’incarico ricoperto da ciascuna funzione: da martedì 10 marzo gli uffici di ASCA saranno spostati in domicili diversi e resteranno “aperti” con reperibilità telefonica e telematica. Gli assistenti sociali del territorio, inoltre, risponderanno alle specifiche domande e bisogni dei cittadini effettuando, in caso di necessità, le visite domiciliari seguendo le indicazioni dei sanitari.

Leave a Reply